- Associazione Nazionale Sociologi - Dipartimento Lombardia * Milano

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Ricerche tematiche

Il vino: un nettare dell'uva dall'antichità nella storia dell'uomo

di Arnaldo Gioacchini *

Alcuni anni fa parlando con dei colti ed appassionati viticultori toscani a proposito del vino, delle sue problematiche e della enorme cultura storica, religiosa ed archeologica ad esso legata, convenimmo totalmente su quanto è connesso a questo straordinario prodotto terminale della Vitis vinifera (in Italia, per la produzione del vino, possono essere usate solo uve appartenenti a questa specie) o provenienti da un incrocio tra questa ed altre del genere Vitis, come ad esempio la Vitis labrusca, la Vitis rupestris etc. e quanta storia documentata rechi con sè. In quella sorta di simpatico ed ampio "dibattito" culturale sul vino (fatto davanti ad un gran bel calice di rosso di Bolgheri gustato insieme a delle superbe "fettunte" (le bruschette come vengono chiamate in Toscana) "irrorate" con il pregiato olio locale, partii, per fortuna, con il piede giusto raccontando ciò che mi aveva narrato mio zio Settimino (marito della sorella di mia madre) nato nel Valdarno e minatore nella stessa zona, che mi disse come ritrovarono, nella stratificazione della lignite, dei reperti che gli esperti codificarono essere dei fossili di tralci di Vitis vinifera di due milioni di anni fa! Quindi una vite che già cresceva spontanea nella "notte dei tempi".Catturata in tal modo una forte attenzione da parte dei miei  gentili anfitrioni attraverso una "cosa"( tutta toscana) legata all’uva  di cui non erano a conoscenza, l’argomento vino allargato a tutte le sue interconnessioni culturali fu sviscerato, per ore, con reciproche notiziazioni di cui, come mio costume, per quello che mi interessava di più, presi buona nota e che, cari amici lettori, vi travaso a seguire (in parte per i soliti motivi di spazio). Intorno al Mar Caspio e nell’oriente turco sono state rilevate le più antiche tracce di coltivazione della vite; sembra che il primo "vino" fu scoperto per caso per la fermentazione accidentale di uva dimenticata in un recipiente, siamo intorno a diecimila anni fa in zona caucasica. Ma la coltura/cultura del vino arrivò prima in Egitto, intorno al 3000 a.C. per poi approdare a Creta verso il 2200 a.C. per poi espandersi da qui in Grecia e nelle sue colonie e quindi nell’Italia etrusca e latina. E furono gli Etruschi che, intorno al 625 a.C., iniziarono a diffondere il vino fra i Galli della penisola prima e d’oltralpe poi; vino che andò a soppiantare, pian piano, la bevanda alcolica delle Gallie che era la birra fatta di orzo e grano con l’aggiunta di miele e frutti di bosco. In questo forte processo di "vinizzazione" d’oltralpe (che ebbe come centro commerciale transalpino Lattara – ora Lattes-) da parte degli etruschi, Caisra (Cerveteri) ebbe un ruolo non secondario anzi, come testimoniato anche dal ritrovamento a Lattara di alcune anfore vinarie prodotte proprio a Cerveteri, che comunque era già il cuore della produzione vinicola dell’Etruria romana. E poi c’è la realtà e la leggenda etrusca legata al vino: La realtà che Fufluna (Populonia), unica città etrusca sorta direttamente sul mare era addirittura intitolata al buffo dio Fufluns (il Bacco etrusco). Che l’etrusca Velzna (Orvieto) la quale, forse, era l’antica Oinarea  (etimologicamente "la città dove scorre il vino") fu  menzionata pure in un testo (attribuito erroneamente ad Aristotele) a testimoniare come la fama del vino prodotto in Etruria avesse raggiunto, già in epoca antichissima, i lidi greci. Alla leggendaria historia di Enea appartiene l’episodio in cui l’eroe fuggito da Troia si scontra con una coalizione di Rutili ed Etruschi, episodio nel quale si narra che Mezenzio re dell’Etruria non accetta di intervenire se non a condizione di ricevere tutta la produzione di vino del paese latino di Caere (Cerveteri). Un vino che gli etruschi usavano pure come moneta di scambio per ottenere materie prime come metalli, sale, corallo e financo schiavi. Ed in chiave religiosa vi è la citazione che si fa nella Bibbia (Genesi 9-20-27) la quale  attribuisce la scoperta del processo di lavorazione del vino addirittura a Noè che, dopo il  Diluvio Universale, avrebbe piantato una vigna con il cui frutto fece del vino del quale bevve fino ad ubriacarsi. Ricordiamoci che pure Gesù Cristo ha scelto il vino come specie sotto cui, nel sacramento dell’Eucarestia, si cela il Suo sangue "per la nuova ed eterna alleanza, versato per voi e per tutti in remissione dei peccati". Un vino comunque come antichissima bevanda che unisce, trasversalmente, popoli e civiltà imponendosi, da secoli e secoli, come innegabilmente forte vettore culturale.

*Membro del Comitato Tecnico Scientifico dell’Associazione Beni Italiani Patrimonio Mondiale Unesco

* Riproduzione Riservata *

Archivio ricerche tematiche
 
Ass. Naz. Sociologi Dip. Lombardia
Torna ai contenuti | Torna al menu