Eventi Sociologia VI - Associazione Nazionale Sociologi - Dipartimento Lombardia * Milano

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Eventi Sociologia VI

Conversazioni sulla Famiglia

In data 11 Aprile 2014 in Barletta all’interno della suggestiva “Sala Rossa” del Castello Svevo, si è svolto il primo incontro dei due in programma, del prestigioso CONVEGNO denominato “Conversazioni sulla Famiglia”, organizzato dall’AGIFOR (Associazione Giovanile Forense) e patrocinato dall’Ordine degli Psicologi Regione Puglia, dall’Istituto Mosaico Psicologie, dall’Ordine degli Avvocati di Trani, dalla Provincia BAT, dal Comune di Barletta, con il contributo culturale dall’ANS –Puglia (Associazione Nazionale Sociologi del Dipartimento Puglia), quest’ultima rappresentata dal relatore Prof. Sergio D’Angelo
(Sociologo del Lavoro) socio ANS , dal vice segretario regionale Dr. Ruggiero Lanotte, che ha portato i saluti del ns. Presidente Dr. Ivan Iacovazzi e del Segretario Cav. Dr. Luigi Fino agli organizzatori del convegno nelle persone dell’Avv. Giuseppe Cafagna responsabile della comunicazione AGIFOR e alla Dott.ssa Miriam Lanotte (Psicologa e psicoterapeuta) responsabile della segreteria scientifica. La sala, gremita di professionisti, prevalentemente avvocati, ai quali gli sono stati riconosciuti crediti formativi professionali, ha visto il susseguirsi dei saluti dei vari Presidenti degli ordini professionali presenti. La singolare terminologia che è stata adottata per intitolare il convegno “Conversazioni sulla Famiglia” , potrebbe a mio avviso indurre il pensiero dell’astante a delle aspettative di svolgimento della tematica in termini semplicistici e fluidi, quasi da conversazione da salotto, ma questo pensiero viene subito ridimensionato allorquando i magnifici relatori introducono argomentazioni di rilevante spessore sociale, esaltando quelli che sono gli aspetti più drammatici del problema “Famiglia” con ampi approfondimenti di natura giuridica, psicologica e sociologica. Il Prof. Giuseppe Losappio (prof. di diritto penale UNIBA) prima e il Magistrato Dr. Messina Francesco (giudice penale c/o il Tribunale di Trani) dopo, espongono in modo esaustivo quello che la giurisprudenza prevede nel rapporto di convivenza familiare, con riferimento alle nuove norme del codice penale, che prevedono un inasprimento delle pene, richiamando argomenti come il femminicidio, violenza sui minori, stalking, e quant’altro generi ansie e paure sulle vittime, tanto da compromettere il loro equilibrio psicologico. La relazione dei Prof. Sergio D’Angelo, ha individuato e cristallizzato l’attuale condizione familiare, esponendo con dati di ricerca scentifica, rilevati da autorevoli fonti quali ISTAT, Bankitalia, quelle che sono le cause dell’evidente cambiamento sociale all’interno della Famiglia, che vedono una rilevante flessione della famiglia nucleare in favore delle convivenze, del calo dei matrimoni, con netta diminuzione del rito religioso, l’evidente aumento delle separazioni e divorzi che segna un + 68%, portando una durata media del matrimonio a 15 anni, altro fattore in negativo è la denatalità, la disuguaglianza nella distribuzione della ricchezza, che evidenzia nel 2012
famiglie povere per 16% coinvolgento 8 milioni di persone, mentre il 10% delle famiglie detengono il 50% della ricchezza totale, la rottura “dell’Ascensore Sociale” cioè la possibilità degli appartenenti alle fasce più deboli di salire ai livelli più alti della società, esaltazione del cosiddetto “Familismo Amorale” che lo si trova, oggi, in due modelli familiari: Famiglie della malavita organizzata (forti legami di consanguineità e assoluta fedeltà al proprio clan familiare, e ad alcune famiglie dell’alta borghesia presenti nell’industria, nella finanza nelle università che dispongono di dispositivi che fanno barriera all’entrata nei rispettivi contesti, proteggendo il proprio gruppo familiare. Per arrivare alla crisi del Welfare statale, con riferimento alla sanità, all’assistenza, il problema del lavoro, precario, sommerso, a bassa remunerazione, privo di tutela, facendo assumere al nucleo familiare un ruolo di protezione.
La palese professionalità, seguita dalla penetrante capacità comunicativa del Prof. D’Angelo ha affascinato e coinvolto il pubblico in sala , pervenendo post convegno ringraziamenti dagli organizzatori, per la preziosa adesione al convegno dell’ANS Puglia, ed apprezzamenti al nostro Prof. Sergio D’Angelo per la splendida relazione, con il preludio volto alla Presidenza ANS-Puglia di patrocinare nei prossimi convegni.

 
Ass. Naz. Sociologi Dip. Lombardia
Torna ai contenuti | Torna al menu